Sciopero alla FAEN di Telgate

Oggi presidio davanti ai cancelli e astensione di 8 ore

Sciopero alla FAEN di Telgate

Licenziamento ingiusto e clima di paura”

FIM FIOM e RSU chiedono un incontro all’azienda

Licenziamento illegittimo, volto solo a creare un clima di paura all’interno dello stabilimento”. Questo il motivo che ha fatto scattare lo sciopero di 8 ore che oggi ha bloccato l’attività all’interno di FAEN, fabbrica di Telgate che si occupa di verniciatura industriale per conto terzi e che occupa 44 dipendenti.

FIM CISL, FIOM CGIL e la RSU hanno organizzato anche un presidio fuori dai cancelli dell’azienda.

La protesta è stata indetta a seguito del licenziamento di un lavoratore, effettuato dalla direzione con motivazioni che i sindacati ritengono irricevibili: “tutto è iniziato con la mancata firma per ricevuta di una lettera di contestazione dopo l’orario di lavoro – dicono Luciano Baldi e Walter Albani, per FIM CISL e FIOM CGIL. Abbiamo sempre tentato di gestire i rapporti sindacali in azienda con il buon senso, atteggiamento non sempre ricambiato dalla direzione. In questo caso, ci troviamo di fronte a un licenziamento assolutamente ingiustificato e pretestuoso di cui chiediamo l’immediato ritiro“.

Organizzazioni Sindacali e RSU restano in attesa di una convocazione da parte della direzione, o di una decisione che accolga le loro richieste. In caso contrario, verranno predisposte nuove iniziative di protesta.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: