Scheda sintetica provvedimenti Legge Bilancio 2021

Di seguito una nota di lettura degli interventi in materia di lavoro:

 

SOSTEGNO ALL’OCCUPAZIONE

INCENTIVO OCCUPAZIONE GIOVANI (ART. 1, COMMI 10-15) – ESONERO CONTRIBUTI PER LE ASSUNZIONI
A TEMPO INDETERMINATO
Al fine di promuovere l’occupazione giovanile stabile per lavoratori fino a 36 anni di età (non più fino a
29 anni), è previsto l’esonero contributivo al 100% (dal 50% precedente), per un periodo massimo di 36
mesi, nel limite massimo di importo pari a 6.000 euro annui (da 3.000 precedenti) per le nuove assunzioni
a tempo indeterminato e per le trasformazioni dei contratti a tempo determinato in contratti a tempo indeterminato effettuate nel biennio 2021-2022, Per le assunzioni in sedi di lavoro nelle Regioni di Abruzzo,
Molise, Campania, Basilicata, Sicilia, Puglia, Calabria e Sardegna, l’esonero è esteso ad un periodo massimo
di 48 mesi.

INCENTIVO OCCUPAZIONE DONNE (COMMI 16-19) – ESONERO CONTRIBUTI PER LE ASSUNZIONI
DI DONNE LAVORATRICI A TEMPO INDETERMINATO
Per il biennio 2021-2022 l’esonero contributivo vigente per le assunzioni a tempo indeterminato o trasformazione da tempo determinato in tempo indeterminato di lavoratrici donne è aumentato dal 50% al 100% nel limite massimo di importo pari a 6.000 euro annui. La durata dell’esonero è pari a 18 mesi.
Le assunzioni delle donne lavoratrici devono comportare un incremento occupazionale netto.

ESONERO CONTRIBUTIVO PER LE AREE DEL SUD ITALIA (COMMA 160)
Al fine di garantire la tutela dei livelli occupazionali nelle aree con grave situazione di disagio socio-economico, è previsto l’esonero contributivo in misura pari al 30% fino al 31 dicembre 2025; in misura pari al 20% per gli anni 2026 e 2027; in misura pari al 10% per gli anni 2028 e 2029.

RINNOVO O PROROGA DEI CONTRATTI A TEMPO DETERMINATO (COMMA 279)
Viene ulteriormente prorogata fino al 31 marzo 2021 la possibilità, già introdotta dalla decretazione emergenziale “Covid” di rinnovare o prorogare per un periodo massimo di 12 mesi e per una sola volta i contratti di lavoro subordinato a tempo determinato, anche in somministrazione, in assenza delle causali previste dal “decreto dignità” (- esigenze temporanee e oggettive, estranee all’ordinaria attività; – esigenze di
sostituzione di altri lavoratori assenti; – altre esigenze connesse a incrementi temporanei, significativi e non
programmabili dell’ordinaria attività), anche in deroga alle disposizioni sul numero massimo delle proroghe,
(quindi in deroga all’art. 19, co. 1, e art. 21 del D.Lgs. 15/2015 n. 81 come modificato dal “decreto dignità”),
ferma restando la durata massima complessiva di ventiquattro mesi.

RIFINANZIAMENTO FONDO OCCUPAZIONE E FORMAZIONE (COMMA 275)
Il Fondo sociale per occupazione e formazione è rifinanziato con 600 milioni di euro per l’anno 2021 e di
200 milioni di euro per l’anno 2022.

MISURE IN MATERIA DI LAVORATORI SOCIALMENTE UTILI (COMMA 292-296)
È prevista per il 2021 la facoltà per le pubbliche amministrazioni di stabilizzare con assunzioni a tempo
indeterminato, in deroga ai piani “assunzionali“ e in qualità di “sovra numerari”, i lavoratori già impegnati
in lavori socialmente utili e in attività di pubblica utilità, e quelli precedentemente trasformati da Lsu in
contratti con le diverse tipologie.

BLOCCO DEI LICENZIAMENTI (COMMI 309-311)
È esteso fino al 31 marzo 2021 il divieto di licenziamento per motivi economici (giustificato motivo oggettivo
– art. 3, L. 604/1966), ed è precluso l’avvio delle procedure di licenziamento collettivo (artt. 4, 5, 24, L.
223/1991), e sono sospese le procedure avviate successivamente alla data del 23 febbraio 2020.
Sono fatte salve le ipotesi di cessazione di appalti con riassunzione a seguito di subentro di nuovo appaltatore, di fallimento o cessazione definitiva dell’attività dell’impresa, che non preveda l’esercizio provvisorio o la continuazione anche parziale dell’attività, di accordo collettivo aziendale di gestione occupazionale e di incentivo alla risoluzione volontaria del rapporto, con riconoscimento della Naspi, stipulato dalle organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative.

PROGRAMMA «GARANZIA DI OCCUPABILITÀ DEI LAVORATORI» (GOL) E POLITICHE ATTIVE (COMMI
324-325)
È istituito il programma nazionale del Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali «Garanzia di occupabilità
dei lavoratori» (GOL), finalizzato ad incentivare l’inserimento nel mondo del lavoro dei beneficiari del
reddito di cittadinanza, dei disoccupati percettori di Naspi, dei lavoratori in cassa integrazione in transizione
attraverso politiche attive.

CONTRATTO DI ESPANSIONE (COMMA 349)
Previsto il finanziamento del contratto di espansione (introdotto nel 2017 in sostituzione del contratto di
solidarietà espansivo), con possibilità di uscita anticipata del personale vicino alla pensione (entro 60 mesi)
e contestuali assunzioni a tempo indeterminato con formazione.
Si prevedono, per il solo 2021, regolamentazioni differenziate su base dimensionale: le aziende con almeno
250 dipendenti possono accedervi per assunzioni a fronte di uscite con solo scivolo pensionistico. Le
aziende con almeno 500 dipendenti possono utilizzarlo per assunzioni con uscite anche con la quota Naspi
e la corrispondente contribuzione figurativa. Le imprese o gruppi di imprese con un organico superiore a
1.000 unità, possono utilizzarlo a fronte di piani di riorganizzazione di rilevanza strategica, se effettuano
almeno una assunzione ogni tre lavoratori in uscita, con ulteriore alleggerimento del costo del prepensionamento.

 

SOSTEGNO CONCILIAZIONE VITA-LAVORO, GENITORI, PARITÀ, FRAGILITÀ

SOSTEGNO AL RIENTRO AL LAVORO DELLE LAVORATRICI MADRI E ALLA CONCILIAZIONE DEI TEMPI
DI LAVORO E DEI TEMPI DI CURA DELLA FAMIGLIA, NONCHÉ SOSTEGNO ALLE MADRI CON FIGLI
DISABILI (COMMI 23-26)
Incremento di 50 milioni di euro del Fondo finalizzato a sostenere il rientro al lavoro delle lavoratrici madri
dopo il parto e a finanziare le associazioni che si occupano di assistenza psicologica in favore dei genitori
che subiscono gravi disagi sociali e psicologici per la morte del figlio.
Per il padre lavoratore, è introdotto l’obbligo di astensione dal lavoro di 1 giorno non solo nel caso della
nascita del figlio, ma anche nel caso di morte perinatale.

ISTITUZIONE DEL FONDO PER IL SOSTEGNO DELLA PARITÀ SALARIALE DI GENERE (COMMA 276)
Istituzione presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali del Fondo, con dotazione di 2 milioni di euro
annui a decorrere dall’anno 2022, per il sostegno della parità salariale di genere e delle pari opportunità sui
luoghi di lavoro.

FONDO PER I CAREGIVER FAMILIARI (COMMA 334)
È istituito un fondo di 25 milioni di euro, per ciascuno degli anni 2021, 2022 e 2023, per interventi finalizzati
al riconoscimento del valore sociale ed economico dell’attività di cura non professionale svolta dal caregiver
familiare.

CONGEDO OBBLIGATORIO DI PATERNITÀ (COMMA 363)
Viene portato da 7 a 10 giorni il congedo per il padre lavoratore dipendente per l’anno 2021 da fruire nei
primi cinque mesi dalla nascita del figlio.

MISURE IN FAVORE DEI LAVORATORI FRAGILI E CON DISABILITÀ GRAVE (COMMA 481)
Sono estese sino al 28 febbraio 2021 le misure a tutela dei lavoratori fragili e dei lavoratori con disabilità grave (di cui all’art. 26, commi 2 e 2-bis, del decreto-legge n. 18/2020, convertito in legge n. 27/2020, c.d. Cura
Italia) con equiparazione del periodo di assenza dal servizio al ricovero ospedaliero e previsione dell’esercizio
dell’attività lavorativa in smartworking, anche con diversa mansione ricompresa nella medesima categoria, o per lo svolgimento di attività di formazione professionale da remoto.

FONDO CARE LEAVERS (COMMA 335)
Il Fondo per la lotta alla povertà e all’esclusione è incrementato di 5 milioni di euro per ogni anno dal 2021 al
2023, per interventi in via sperimentale in alcuni ambiti territoriali, volti a permettere di completare il percorso di crescita verso l’autonomia dei ragazzi che compiono la maggiore età e fino al 21° anno e vivono fuori della famiglia di origine per disposizione della autorità giudiziaria.

ASSEGNO DI NATALITÀ (COMMA 362)
Viene esteso ad ogni figlio nato o adottato nell’anno 2021 l’assegno di natalità istituito a fine 2014 e ridefinito
a fine 2019. Lo stanziamento correlato è di 340 milioni per il 2021 e 400 milioni per il 2022.

SOSTEGNO ALLE MADRI DI DISOCCUPATE O MONOREDDITO CON FIGLI DISABILI (COMMI 365-366)
Viene introdotto un contributo per le madri disoccupate o monoreddito facenti parte di nuclei familiari monoparentali con figli a carico aventi una disabilità riconosciuta in misura non inferiore al 60 per cento, per un importo massimo di 500 euro netti, per ciascuno degli anni 2021, 2022 e 2023. È previsto uno stanziamento di 5 milioni di euro per ciascun anno. I criteri per individuare i destinatari e le modalità di presentazione delle domande saranno fissate da un decreto dei Ministeri del lavoro e delle Finanze.

 

PROROGA AMMORTIZZATORI SOCIALI

TRATTAMENTI DI CIGS PER CESSATA ATTIVITÀ (COMMA 278)
È prorogata per gli anni 2021 e 2022, e rifinanziata rispettivamente con 200 milioni di euro e 50 milioni di euro
per le due annualità, la possibilità di richiedere la Cigs per cessazione di attività aziendale fino a un periodo
massimo complessivo di dodici mesi, oltre gli ordinari limiti di durata.

PROROGA SOSTEGNO AL REDDITO PER I LAVORATORI DEI CALL CENTER (COMMA 280)
L’indennità per i lavoratori dipendenti del settore dei call center è prorogata per l’anno 2021 nel limite di
spesa di 20 milioni di euro. L’indennità è pari al trattamento massimo di integrazione salariale straordinaria ed è riconosciuta in favore dei lavoratori del settore per imprese con un organico superiore alle 50 unità, non rientranti nel campo di applicazione della Cigs e che abbiano attuato, entro la scadenza prevista del 31 dicembre 2013, le misure di stabilizzazione dei collaboratori a progetto.

SOSTEGNO AL REDDITO DEI LAVORATORI DELLE IMPRESE SEQUESTRATE O CONFISCATE (COMMA 284)
Il trattamento, pari al trattamento straordinario di integrazione salariale per i lavoratori sospesi dal lavoro o
impiegati ad orario ridotto, dipendenti da aziende sequestrate e confiscate, sottoposte ad amministrazione
giudiziaria, per le quali è stato approvato il programma di prosecuzione o di ripresa dell’attività, è prorogato
per gli anni 2021, 2022 e 2023, alle medesime condizioni, per una durata massima complessiva di 12 mesi nel
triennio nel limite di spesa di euro 1.000.000,00 per ciascuna annualità.

TRATTAMENTI DI CIGS PER LE IMPRESE CON RILEVANZA ECONOMICA STRATEGICA (COMMA 285)
È rifinanziata nel limite di 130 milioni di euro per l’anno 2021 e di 100 milioni di euro per l’anno 2022, la possibilità di prorogare la Cigs oltre gli ordinari limiti di durata per le imprese con rilevanza economica strategica, anche a livello regionale. La proroga può avere una durata di 12 mesi in caso di riorganizzazione aziendale o di contratto di solidarietà oppure di 6 mesi in caso di crisi aziendale.

PROROGA CIGS PER CRISI AZIENDALI INCARDINATE PRESSO LE UNITÀ DI CRISI DEL MINISTERO DELLO
SVILUPPO ECONOMICO O DELLE REGIONI (COMMI 286-288)
Al fine dell’attuazione dei piani di nuova industrializzazione, di recupero o di tenuta occupazionale relativi a
crisi aziendali incardinate presso il Ministero dello sviluppo economico o delle regioni, le regioni e le province autonome possono concedere nell’anno 2021 ulteriori periodi di trattamento di integrazione salariale in deroga nel limite della durata massima di dodici mesi, anche non continuativi, utilizzando le risorse già loro assegnate, e comunque nel limite massimo di 10 milioni di euro per l’anno 2021. Deve essere assicurato ai lavoratori beneficiari dei trattamenti l’applicazione di misure di politica attiva in accordo con le organizzazioni sindacali, in un apposito piano regionale da comunicare al Ministero del lavoro e all’Anpal.

TRATTAMENTI CIGS IN AREE DI CRISI COMPLESSA (COMMI 289)
È rifinanziata con 180 milioni di euro per il 2021 la possibilità di prorogare la Cigs per 12 mesi oltre gli ordinari limiti di durata nelle aree di crisi industriale complessa, al fine del completamento dei piani di recupero occupazionale.

FONDO PER IL SOSTEGNO AL REDDITO DEI LAVORATORI DELLE AREE DI CRISI INDUSTRIALE COMPLESSA
(COMMA 290)
È istituito presso il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali il Fondo per il sostegno al reddito dei lavoratori delle aree di crisi industriale complessa, con una dotazione di 10 milioni di euro per l’anno 2021, finalizzato garantire la prosecuzione degli interventi di cassa integrazione guadagni straordinaria e di mobilità in deroga nelle aree individuate dalle Regioni per l’anno 2020, ma non autorizzate per mancanza di copertura finanziaria.

INDENNITÀ PER I LAVORATORI DI AREE DI CRISI COMPLESSA REGIONE CAMPANIA (COMMA 291)
È ampliata la platea dei beneficiari dell’indennità pari al trattamento dell’ultima mobilità ordinaria percepita
dai lavoratori della regione Campania che hanno cessato la mobilità ordinaria dal 1° gennaio 2015 al 31 dicembre 2016, fino al 31 dicembre 2021.
Ai lavoratori beneficiari sono applicate misure di politica attiva, individuate in un apposito piano regionale, da comunicare al Ministero del lavoro e all’Anpal.

NUOVI TRATTAMENTI DI CASSA INTEGRAZIONE ORDINARIA, ASSEGNO ORDINARIO E CASSA INTEGRAZIONE IN DEROGA (COMMI 300-305)
Sono previste ulteriori 12 settimane di cassa integrazione ordinaria, di assegno ordinario e di cassa integrazione in deroga. Le dodici settimane devono essere collocate nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2021 e il 31 marzo 2021 per i trattamenti di cassa integrazione ordinaria, e nel periodo compreso tra il 1° gennaio 2021 e il 30 giugno 2021 per i trattamenti di assegno ordinario e di cassa integrazione in deroga.
È ribadito il ruolo dei Fondi di cui all’articolo 27, del Dlgs n. 148/2015 (Fondo artigiani e Fondo somministrati)
per garantire l’erogazione dell’assegno ordinario. I trattamenti sono riconosciuti anche in favore dei lavoratori assunti dopo il 25 marzo 2020 e in ogni caso in forza alla data di entrata in vigore della legge di bilancio n. 178/2020.

 

PREVIDENZA E PENSIONI

PROROGA PENSIONE “OPZIONE DONNA”
Il termine per raggiungere i requisiti per accedere alla pensione tramite la cosiddetta “opzione donna” di cui
all’art. 16 del decreto-legge n. 4/2019 convertito con modifiche nella legge n. 26/2019, vale a dire il requisito
contributivo minimo di 35 anni e anagrafico di 57 anni di età se lavoratrice dipendente o 58 anni di età se
autonoma, è prorogato al 31/12/2020 (rispetto all’originario 2019).

NONA SALVAGUARDIA DEI LAVORATORI ESODATI (COMMA 346)
Estensione a determinate categorie di lavoratori delle disposizioni in materia di requisiti di accesso alla pensione antecedenti l’entrata in vigore della legge Fornero.

MISURE IN FAVORE DEI LAVORATORI ESPOSTI ALL’AMIANTO (COMMI 356-358)
Riconoscimento di una prestazione aggiuntiva, a decorrere dal 1° gennaio 2021, in favore dei lavoratori
esposti all’amianto attraverso il Fondo per le vittime dell’amianto nella misura del 15% della rendita già in
godimento per una patologia asbesto-correlata. Inoltre, a decorrere dal 2021, riconoscimento di una prestazione di 10.000 euro ai malati di mesotelioma che abbiano contratto la patologia per esposizione familiare a lavoratori impegnati nella lavorazione dell’amianto o per esposizione ambientale.

PROROGA APE SOCIALE (COMMI 360-361)
L’Ape sociale (assegno di assistenza fino alla maturazione del requisito pensionistico, a valere per disoccupati, invalidi, addetti a lavori gravosi, persone che curano familiari o parenti beneficiari della Legge 104/1992 art. 3 comma 3), previa certificazione del diritto da parte dell’INPS, è prorogato fino al 31 dicembre 2021. Le risorse aggiuntive stanziate per il 2021 sono: 87,7 mln per il 2021 (dagli originari 323,4 mln a 411,1 mln). Si potranno presentare le domande entro il 31 marzo 2021 e, in deroga, entro il 15 luglio 2021. Le domande presentate oltre questa data e comunque non oltre il 30 novembre 2021, saranno prese in considerazione solo se residueranno risorse.

PROROGA ISOPENSIONE (COMMA 345)
Il termine di 7 anni per accedere alla cosiddetta “isopensione” di cui all’articolo 4 c. 2 della legge 92/2012,
viene prorogato fino al 2023.

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: