Via libera alla legge per la parità di salario e carriera

La parità salariale non è più solo un auspicio o un argomento da dibattito. Il Senato ha infatti approvato in via definitiva (dopo il voto unanime alla Camera) una legge ad hoc, che punta molto sugli incentivi, introducendo un “bollino di qualità” per le aziende che dimostreranno d’essersi impegnate nell’eliminazione degli ostacoli sulla strada della parità retributiva (e di carriera) tra donna e uomo.
L’obiettivo della norma è incrementare la trasparenza nei luoghi di lavoro: le imprese da 50 addetti in su avranno l’obbligo di presentare un rapporto periodico sulla situazione del personale maschile e femminile, mentre per quelle di dimensioni minori sarà facoltativo. Si punta, come detto, sugli incentivi e non sulle sanzioni. Le aziende virtuose verranno premiate: dal 1° gennaio saranno introdotti la certificazione della parità di genere (per chi si adopera per ridurre il divario di genere) e uno sgravio contributivo dell’1% nel limite di 50.000 euro annui (con una dotazione di 50 milioni complessivi).
La disciplina integra, tra l’altro, la nozione di discriminazione diretta e indiretta, includendo nelle fattispecie pure gli atti di “natura organizzativa, o oraria” che sfavoriscono la componente femminile. La discriminazione include quei trattamenti che, “in ragione del sesso, dell’età anagrafica, delle esigenze di cura personale o familiare, dello stato di gravidanza nonché di maternità o paternità, anche adottive”, pongono, o possono porre la lavoratrice in “posizione di svantaggio rispetto alla generalità degli altri” addetti, generando “limitazione delle opportunità di partecipazione alla vita o alle scelte aziendali”, e creano ostacoli riguardo ad avanzamento e progressione nella carriera.
La legge estende anche alle aziende pubbliche la normativa delle legge Golfo-Mosca sulle quote rosa negli organi collegiali di amministrazione delle società quotate in borsa.

Ilaria Storti da Conquiste del Lavoro del 27 ottobre 2021 

Potrebbero interessarti anche...

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: